Istituto Paritario Arcadia – Brindisi

Studenti

Il credito scolastico misura le competenze e le conoscenze raggiunte dallo studente; lo studente accede all’Esame di Stato con un punteggio, detto credito scolastico, che deriva dalla somma del credito scolastico e del credito formativo.

Il credito scolastico è un patrimonio di punti assegnato dal Consiglio di Classe nello scrutinio finale degli ultimi tre anni del corso di studi (classi 3^, 4^e 5^) ad ogni studente. Esso è il risultato della somma dei punti che, anno dopo anno, gli sono attribuiti tenendo in  considerazione:

  • la valutazione del grado di preparazione complessiva (la valutazione è espressa in
    base alla media dei voti degli ultimi tre anni di corso, secondo i parametri e i livelli
    delle tabelle del Ministero della Pubblica Istruzione);
  • l’assiduità della frequenza scolastica;
  • l’interesse e l’impegno nella partecipazione al dialogo educativo e ad eventuali
    attività complementari e integrative;
  • la partecipazione alle esperienze formative e ai progetti organizzati della scuola;
  • la partecipazione, in rappresentanza dell’Istituto, ad iniziative interne ed esterne;

Il credito formativo è un punteggio attribuito allo studente dal Consiglio di Classe per valorizzare ogni qualificata esperienza dalla quale derivino competenze coerenti con il corso di studi compiuto. Le esperienze che danno luogo all’attribuzione dei crediti formativi sono acquisite al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti e settori della società civile legati alla formazione della persona ed alla crescita umana, civile e culturale, relativi a:

  • formazione professionale;
  • lavoro;
  • attività culturali, artistiche e ricreative;
  • ambiente;
  • volontariato, solidarietà, ooperazione;

La documentazione relativa ai crediti formativi deve pervenire alla Segreteria
Didattica dell’Istituto sede d’esame entro la data stabilita (e comunicata ogni anno
scolastico)  per consentire l’esame e la valutazione da parte degli organi competenti.
Il credito formativo concorre all’attribuzione dei punti del credito scolastico

Lo scopo della misura è quello di introdurre gradualmente gli studenti al mondo del lavoro, preparandoli e formandoli dal punto di vista pratico. L’obiettivo finale è quello di ridurre il tasso di disoccupazione giovanile. I percorsi trasversali per l’Orientamento si articolano in quattro fasi:

  1. Ogni studente potrà contare su tutor interno con il quale discutere delle
    competenze, attitudini e ambizioni
  2. Incontro con il tutor esterno dell’azienda che farà da referente. A ciascuno
    studente sarà anche richiesto di firmare il Patto Formativo, un documento con il
    quale si impegna al rispetto di tutte le norme di privacy, antinfortunistiche,
    comportamentali e di sicurezza vigenti in azienda;
  3. Svolgimento: ovvero il periodo formativo di alternanza scuola-lavoro vero e
    proprio, durante il quale lo studente deve documentare le proprie attività sul
    libretto appositamente fornito dalla scuola;
  4. Valutazione: avviene al  termine del periodo di alternanza, sia per conto della
    scuola che della azienda ospitante mediante un Certificato delle competenze.
    Ad oggi le ore previste ammontano a:
    • 210 ore negli istituti professionali;
    • 150 ore negli istituti tecnici;
    • 90 ore nei licei;